Le fiabe. Anche i buoni vicini amano il formaggio: il segreto delle Agane.

Nelle malghe sulle Alpi Giulie e Carniche, di sera davanti al fuoco si raccontano le storie dei boschi e delle creature che li abitano. Tra tutti spiccano le Agane, bruttissime streghe cattivelle dalle dita contorte e i nasi aguzzi, sempre pronte a giocare brutti scherzi al viandante di turno, a chi è a fare legna o semplicemente a chi si trova sui pratoni montani a giocare o a fare un picnic. Si dice che un tempo le Agane fossero amorevoli e gentili con le persone, che non le facessero perdere lungo i sentieri o scivolare nelle sassaie: questo perché avevano sempre con loro – legato alla cintura – un sacchetto pieno di dadini del formaggio più buono della montagna: il Montasio, che faceva sì che restassero sempre giovani, belle e felici e dunque gentili. Poi qualcuno ha rubato loro i sacchetti e senza quel delizioso nutrimento, le Agane hanno iniziato a invecchiare, le loro ossa a fare male, e il loro umore è peggiorato in modo irrimediabile.

I vecchi della montagna però conoscono i trucchi per non cadere nelle trappole delle creature magiche: ecco perché abbiamo deciso di svelare quello per ingraziarsi le Agane, molto semplice e di facile realizzazione.

Quando andate in montagna non dimenticate mai di portare con voi in una ciotola dei dadini di Montasio. E se doveste incontrare una anziana brontolona che cerca di indirizzarvi verso la sassaia, offritele il formaggio. Ne basta un dadino infatti per trasformare la strega in una fata dolcissima che si offrirà di mostrarvi gli angolini più suggestivi delle nostre Alpi, vi farà fare amicizia con gli animali selvatici che si nascondono nel bosco e giocare con le grandi farfalle della montagna e voi vivrete una gita indimenticabile.

Perché si sa, per stare bene, per sentirsi in forma e essere di buon umore è necessario mangiare nel modo migliore; il cibo sano è alla base del nostro benessere e anche di quello delle creature magiche. Ecco perché inserire il Montasio nella dieta di tutta la famiglia è la scelta più saggia; il Montasio è un formaggio nutriente e buono che va bene per tutti. E per tutti intendo proprio tutti: chi soffre di celiachia può mangiarlo perché la tecnologia usata per la sua produzione non comporta l’uso di glutine. Chi ha un’intolleranza al lattosio può gustarlo senza timore, perché il Montasio a 60 giorni di stagionatura è naturalmente privo di lattosio, trasformato in acido lattico da alcuni batteri amici che vengono aggiunti al latte nelle fasi iniziali della produzione. Portatelo ai vostri picnic: le Agane vi ringrazieranno!

 

Autore: Emanuela Valentini