Gnocchi di pane ripieni di Montasio con vellutata di porro

semplici avanzi? …… un piatto gustoso e ricco di proprietà nutritive

Il porro appartiene alla famiglia delle Gigliacee, il contenuto di allicina lo rende un alleato della salute. Contiene, inoltre, vitamina A e vitamina C, se consumato crudo, ha proprietà diuretiche, antibatteriche, riequilibra la flora intestinale, è antisettico e regola la concentrazione di colesterolo nel sangue e la pressione, è quindi un alleato della salute del cuore, agevola il controllo del peso, e depura naturalmente. Il contenuto di allicina fa del porro, al pari dell’aglio e della cipolla, un antibiotico naturale, l’Acido folico e flavonoidi come antiossidanti, se usato quale erba medicinale  il porro permette di controllare il livello di glicemia nel sangue, e quindi è utile per chi soffre di sindrome metabolica e diabete.

PREPARAZIONE
Ammollare il pane con il latte, aggiungere la farina e le uova, impastare bene e aggiungere parmigiano e pane grattugiato.
Formare delle palline. Praticare un buco nella pallina di impasto, mettere un cubetto di Montasio nello gnocco.
Cucinare in acqua bollente e salata, verificare la cottura degli gnocchi prima di scolarli dall’acqua (il Montasio deve essere sciolto!).
Far stufare in un soffritto di scalogno il porro per 15 minuti, frullare il porro e filtrarlo, aggiustare di sale.

Servire due gnocchi con la crema di scalogno e porro stesa sul piatto e un filo d’olio d’oliva.

TORTINO di SPINACI e MONTASIO

Rosolare in una padella la cipolla, la pancetta e l’aglio precedentemente tritati.

Aggiungere gli spinaci tagliati sottili e cuocere il tutto per 10 minuti.

Preparare tagliato a listarelle sottili il Montasio, aggiungerlo poi agli spinaci, già tolti dal fuoco, mescolando con le uova, la noce moscata, sale e pepe quanto basta.

Foderare con la sfoglia una tortiera prima imburrata ed infarinata, versarvi dentro il ripieno e ricoprire con la sfoglia, passarvi sopra un po’ d’uovo sbattuto ed infornare per 30 minuti a 200°.

Togliere dal fuoco e sistemare su un vassoio rotondo e servire ben caldo.

PRIMAVERA in GIARDINO con MONTASIO

Per il giardino:

pelare le mele Golden e fare dei cubetti dello spessore di circa 1 cm. Cubettare alla stessa maniera il sedano, il Montasio ed il prosciutto. Condire con olio, limone, pepe e sistemare al centro del piatto di presentazione.

Per la primamela:

tagliare la parte alta delle mele rosse per farne con coperchio e svuotarle con l’aiuto di un cucchiaio senza rompere la buccia. Tagliare e pelare a spicchi le mele verdi (per un totale di 3 specchi per porzione) e avvolgerli nelle fette di prosciutto. Inserirli nelle mele rosse e appoggiarci sopra il “coperchio”.  Adagiare la “primamela” sopra il “giardino”.

 

 

PERE GRATINATE al MONTASIO

Prendere le pere, lavarle, tagliarle a metà nel senso della lunghezza, privarle del torsolo e quindi scavarle con un cucchiaio.

Passare al burro la polpa ricavata con tutti gli ingredienti sopra descritti e bagnare il tutto con qualche goccia di cognac.

Nel frattempo, affinché le pere scavate non diventino nere, si consiglia di spruzzarle con un po’ di limone.

Quando la farcia sarà pronta, riempire con questa le pere ed infornarle a 160° per circa tre quarti d’ora bagnando, di tanto in tanto con del vino bianco secco affinché non si secchino troppo.

Quando saranno cotte e ben gratinate, servirle irrorandole con il succo che durante la cottura hanno perso.

SPIEDINO al MONTASIO

Battere le scaloppe molto sottili, al centro sistemare una manciata di cubetti di Montasio, piegare la carne in quattro in modo che il Montasio non fuoriesca durante la cottura.

Prendere gli stecconi da spiedini, infilare alternandoli i funghi e la carne.

Condire con olio, sale e pepe, mettere quindi a cuocere sulla griglia molto lentamente.

Passare poi gli ultimi cinque minuti cottura al forno a 180°.

A parte preparare la salsa al Montasio, mettendo il formaggio a bagno per un paio d’ore con  100 g di latte, stemperare il latte ed il Montasio lentamente a bagnomaria, aggiungere alla fine i rossi d’uovo.

Sistemare gli spiedini su un piatto dove abbiamo versato un cucchiaio di salsa calda al Montasio

PANETTONCINI al MONTASIO

In una capiente ciotola setacciate le farine con il lievito, il sale e il bicarbonato. A parte sbattete l’uovo con il burro fuso e il latte. Versate il composto sulle farine e, con l’aiuto di una frusta, amalgamate fino ad ottenere una pastella piuttosto densa e senza grumi. Unite quindi l’uvetta ammollata in acqua tiepida e strizzata e il formaggio Montasio ridotto a piccoli cubetti. Mescolate bene. Disponete i pirottini di carta dentro uno stampo da muffins dai bordi piuttosto alti e versate per ogni stampo due generose cucchiaiate di composto (gli stampini dovranno essere riempiti circa per un terzo). Cuocete in forno preriscaldato a 180° per circa 15/20 minuti.

MINESTRA AL MONTASIO

Soffriggere nel burro la cipolla tritata a cui aggiungerete poco alla volta la farina che rosolerete per 5 minuti. Bagnare con il latte ed il brodo e portare a ebollizione. Unite il Montasio grattugiato, il vino bianco secco, il sale, il pepe, la noce moscata, il limone e l’aglio tritato fine. Cucinare il tutto per altri 10 minuti. Passare al setaccio e servire con un po’ di pane nero tagliato a dadini e saltato al burro.

FAGOTTINO D’AUTUNNO

Sciogliere il Montasio a bagnomaria con la panna, lasciar poi raffreddare, quindi lessare le castagne nel latte. Incorporare nel formaggio fuso le castagne passate al setaccio e correggere di sale di pepe. Arricchire l’impasto con 2 rossi d’uovo. Tirare finemente la pasta sfoglia, tagliare i quadrettoni e mettere al centro un cucchiaio di impasto, quindi richiudere il fagottino a mo’ di cappello da prete e dopo averlo spennellato con uovo sbattuto, infornare per 5 minuti a 180°. Servire su una crema morbida di zucca

 

FRICO CON LE PERE

In una padella antiaderente, rosolare la pancetta tagliuzzata, aggiungere poi la cipolla affettata (solo il profumo),  il formaggio, la patata, il tutto tagliato a tocchetti. Quando il Montasio sarà fuso aggiungere le pere pelate e tagliuzzate, mescolare il tutto a fuoco moderato ottenere come una frittata rosolata da ambo le parti. Servire tagliato a spicchi sopra la rucola.

SFORMATINI DI CAVOLFIORI CON SALSA DI MONTASIO E SPECK D’OCA

Frullare i cavolfiori con il Montasio, la crema di latte, le uova e salare quanto basta. Imburrare gli stampini, versare il composto e cuocere in forno a bagnomaria 180° per mezz’ora, coprire gli stampini con la carta stagnola e cuocere per un’altra mezz’ora.

Per preparare la salsa al Montasio sciogliere il burro, aggiungere la farina, aggiungere il latte caldo e per ultimo il Montasio fresco a dadini. Togliere dal forno gli sformati e adagiarli su un piatto caldo, guarnire con la salsa al Montasio e le fettine di speck d’oca affumicato. Servire ben caldo.